Yves Rocher Monoi Haiti // HOW TO: valorizzare l’abbronzatura 2

28 agosto 2012 | By More

Ebbene sì, per molte le ferie sono già finite, ma c’è chi invece proprio adesso si concede un po’ di relax.

Per le une e per le altre un piccolo trucco per far risaltare l’abbronzatura ottenuta  (o che si sta ottenendo) con tanta “fatica”  è utilizzare l’olio per il corpo “Monoi de Tahiti” della Yves Rocher subito dopo il bagno o la doccia.

L’olio “Monoi de Tahiti” donerà, infatti, alla vostra pelle una morbidezza ed una profumazione gradevolissima.

Ma come le più belle cose (tanto per scomodare De Andrè), ha qualche aspetto negativo: il primo, testato personalmente, non è un problema gravissimo, ma solo un po’ fastidioso, e cioè il fatto che la boccetta sia di vetro e dopo qualche utilizzo tale boccetta (che per forza di cose dobbiamo pur tenere in mano) può risultare scivolosa. Devo dire che, dopo un mese di utilizzo, avendo usato un po’ di attenzione, non ho ancora causato disastri, ma questa penso sia una faccenda di “sbadataggine personale” o di “destino avverso”.

Un altro aspetto negativo, ma questa volta molto più serio poiché si tratta della nostra salute riguarda l‘inci, ossia l’elenco degli ingredienti che compongono il prodotto. Ahimè non me ne intendo molto, purtroppo,per cui riporterò un “sentito dire”: e cioè che l’inci del caro olio non è il miglior inci al mondo, sebbene sulla confezione riporti la dicitura “100% naturale”!

Per chi volesse dare conferma o smentita riporto qui di seguito il suddetto imputato:

“paraffinum liquidum, gardenia tahitensis, cocos nucifera, parfum, hexil cinnamal, amyl cinnamal, hydroxycitronellal, linalool, benzyl salicylate, tocopheryl acetate, butylparaben, alpha-isomethyl ionone, benzyl benzoate, geraniol, hydroxyisohexyl 3-cyclohexene carboxaldehyde, buthylphenyl methylpropional, benzyl cinnamate, citronellol, benzyl alcohol, amylcinnamyl alcohol”.

Colpevole o non colpevole? A voi la parola!

 

Tags: , , , ,

Category: Senza categoria

About the Author ()

Romantica e sognatrice, ma con qualche sprazzo di cinismo. I suoi valori più importanti sono la famiglia e la lealtà. Le piace leggere, viaggiare, guardare film e telefilm. Adora la tecnologia e studia lingue orientali. Le piace conoscere sempre cose nuove ed ha una vera passione per il cibo (beh chi non ce l'ha?!).

Leave a Reply