Libri estate 2012: Tomba di famiglia

23 agosto 2012 | By More

estate 2012

È arrivato l’afoso Caligola e l’infernale Lucifero è alle porte. Ci vuole un po’ di sano refrigerio per il corpo e per la mente!

Per questo abbiamo deciso di portarvi, anzi di ri-portarvi nella più fresca Svezia. Torna la coppia Benny-Desirée,  divisa tra campagna e città, tra mucche e libri, famiglia e lavoro, ma questa volta non sarà sola. Anita potrà finalmente dire la sua e  tante piccole dolci pesti faranno il bello ed il cattivo tempo.

Katarina Mazetti, l’autrice, ha intitolato ogni capitolo usando proprio delle metafore metereologiche che un po’ anticipano e ci preparano a quelli che saranno gli umori e le vicende tra il Silvicoltore (Benny) e Gamberetto (Desirée).

Leggero e divertente, ancora una volta l’autrice usa la struttura dei monologhi alternati tra i personaggi per metterci davanti delle situazioni che cambiano, si ribaltano completamente in base al punto di vista dell’osservatore e così anche il nostro giudizio sulle varie vicende è costretto di volta in volta a mutare.

Scopriremo come sono riusciti a risolvere tutti quei piccoli e grandi problemi con cui ci avevano lasciato alla fine del primo romanzo, ma ci saranno nuovi interrogativi ed uno in particolare ci seguirà durante tutta la lettura: il matrimonio è la tomba dell’amore? Finale  assolutamente inaspettato.

Da leggere in spiaggia sotto l’ombrellone per viaggiare con la fantasia e immaginare climi più miti o, perché no?, prenotare il primo volo disponibile e godervi un sano, ma soprattutto fresco relax!

Aspettando il 3 volume? Buona lettura!

Prezzo su Amazon e su Bol

 

 

 

Tags: , , ,

Category: Senza categoria

About the Author ()

Romantica e sognatrice, ma con qualche sprazzo di cinismo. I suoi valori più importanti sono la famiglia e la lealtà. Le piace leggere, viaggiare, guardare film e telefilm. Adora la tecnologia e studia lingue orientali. Le piace conoscere sempre cose nuove ed ha una vera passione per il cibo (beh chi non ce l'ha?!).

Leave a Reply