WORK IT – NEW TV SERIES COMING SOON (TRAILER)

1 giugno 2011 | By More

work it

Questa nuova comedy targata ABC ruota intorno a due ragazzi impenitenti che, incapaci di trovare un lavoro, si travestono da donne per cercarne uno… E lo trovano: come informatori farmaceutici. Non solo riusciranno in questa strampalata impresa, ma potrebbero anche imparare a diventare uomini migliori nel mentre.
Con il problema della disoccupazione in corso e il dato oggettivo di un numero superiore di donne rispetto agli uomini nel mondo del lavoro, questa nuova serie si concentra sulle disavventure di questi due uomini alfa che per combattere la recessione, decidono di travestirsi da donna per entrare a lavorare nel mondo dei rappresentanti farmaceutici (attività svolta prevalentemente da donne appunto).
Ma conosciamo meglio i due protagonisti:

Lee Standish (interpretato da Ben Koldyke) è un uomo sveglio che prima di perdere il lavoro, si guadagnava da vivere come venditore di auto.
Angel Ortiz (Amaury Nolasco) è il classico rubacuori, di quelli senza scrupoli né freni.


Una volta messa in atto la loro sceneggiata per tenere ben saldo il nuovo lavoro travestiti da donne, i due impareranno in tutte le loro sfumature le differenze tra uomini e donne, che non si riducono a tacchi a spillo, trucchi o abiti attillati.


Una commedia divertente e al tempo stesso intelligente che parla dei rapporti tra uomini e donne al lavoro, nel privato e nel contesto sociale.


Essere un uomo migliore talvolta significa essere una donna migliore.




Vi lascio al trailer della serie: divertentissimo! 😉

 

 

Tags: , , ,

Category: TV Series

About the Author ()

Ex mora, nera e rossa, polemica, determinata, idealista, eterna sognatrice, tenace, e telefilmicamente onnivora: ditele il titolo di una serie tv e lei l'avrà di certo vista! Adora viaggiare, ma solo "con chi riesce a starle dietro" (cammina molto e velocemente). Ha un debole per l'Irlanda: dice sempre che un giorno comprerà un delizioso cottage in una magica vallata di smeraldo.

Leave a Reply